Comune Arba indietro 
  Comune Arba Home page / Rassegna stampa
Diga di Colle......

Diga di Colle......

 

i tempi saranno lunghi 26/5/06

   
 
Il vicepresidente Gianfranco Moretton spiega procedure e tempistica della "traversa" che sta creando perplessità tra i Comuni pedemontani, mentre soddisfa la Bassa
Diga di Colle, i tempi saranno lunghi
Chiamato direttamente in causa dal sindaco di Arba Elvezio Toffolo, il vicegovernatore e assessore regionale all'Ambiente, Gianfranco Moretton, dopo un colloquio telefonico con l'Autorità di Bacino, ha espresso la sua posizione in merito all'approvazione definitiva del Piano stralcio per la sicurezza idraulica del sottobacino del Cellina e del Meduna da parte del Consiglio dei Ministri, il quale prevede, come opera prioritaria, la diga di Colle, progetto osteggiato dalla pedemontana e visto con favore dalla pianura. «Premesso che è assolutamente necessario salvaguardare la sicurezza delle popolazioni rivierasche fino al Veneto è l'esordio dell'assessore - la determinazione assunta dal Consiglio dei Ministri, che ha approvato il piano stralcio del bacino del Livenza, riguarda solo uno strumento di pianificazione, assolutamente indispensabile per iniziare le procedure di condivisione, da parte delle associazioni e delle istituzioni locali, del percorso da intraprendere per la costruzione dello sbarramento». «Ora spiega Moretton l'Autorità di bacino dell'Alto Adriatico per il tramite delle province interessate, inizierà la consultazione, per individuare le soluzioni il più possibile condivise per realizzare opere di laminazione e messa in sicurezza del territorio. L'atto del Governo nulla compromette rispetto al coinvolgimento partecipativo e di condivisione da parte del territorio. Siamo nella fase iniziale e non esiste alcuna progettazione preliminare, ma solo uno strumento di pianificazione territoriale che potrà trovare concretezza solo ricercando e individuando assieme ai fruitori dell'opera, sia a monte, sia a valle, le soluzioni migliori».

Moretton affronta anche l'argomento della tempistica della realizzazione della traversa di Colle e della copertura dei costi dell'opera: «I tempi non saranno brevi conferma il vicegovernatore, il quale non vuole illudere i comuni della bassa sulla celerità della costruzione in quanto ci aspetta una lunga fase di verifica delle opere da realizzare, la loro fattibilità e la progettazione. Inoltre, va ricordato che al momento non ci sono specifiche risorse finanziarie allocate a bilancio». Quanto alla possibilità che nel frattempo si intervenga sulla modifica degli scarichi degli sbarramenti artificiali montani già esistenti, tesi sostenuta da tempo sia da Arba, sia da Pordenone, Moretton afferma di non saper esprimere un giudizio tecnico, ma si dice certo che il celere svuotamento dei bacini montani, in previsione di forti perturbazioni, contribuisca in maniera sostanziale ad evitare fenomeni alluvionali.

Lorenzo Padovan

Venerdì 26 maggio 2006

Fonte: www.ilgazzettino.it