Comune Arba indietro 
  Comune Arba Home page / Documenti / Servizi demografici
SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI

SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI

 

documentazione per certificazioni varie

   
 

SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI   

 

 

           Orario al pubblico:

 

            Mattino: dal LUNEDI al VENERDI dalle ore 10.00 alle 12.15

            Pomeriggio: il GIOVEDI dalle ore 16.00 alle 18.00

 

 

 

RESPONSABILE AREA: Roberto Mariutto

 

RESPONSABILE UFFICIO: Roberto Mariutto (Istruttore Direttivo)

 

Numeri telefonici diretti: 0427/93032-93346  -  FAX 0427/938878

 

E-mail : anagrafe@com-arba.regione.fvg.it

 

 

- QUALI DOCUMENTI RILASCIA L'ANAGRAFE COMUNALE

 

- COME AUTENTICARE FOTO, FIRME E COPIE DI ATTI

 

- COSA FARE PER IL RILASCIO DELLE CARTE D'IDENTITA' E IL RINNOVO

 

- COSA FARE PER CAMBIARE LA RESIDENZA

 

- COSA FARE PER IL RILASCIO DEL CODICE FISCALE

 

- COSA FARE IN CASO DI NASCITA

 

- COSA FARE IN CASO DI MATRIMONIO

 

- COSA FARE IN CASO DI MORTE

 

- COSA FARE IN CASO DI SMARRIMENTO O FURTO DEL PASSAPORTO,

  DELLA PATENTE DI GUIDA, DEL CODICE FISCALE, DELLA CARTA DI

  IDENTITA'  O DI ALTRI DOCUMENTI. 

 

- COSA FARE PER OTTENERE L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DEGLI SCRUTATORI

 

- AUTOCERTIFICAZIONE 

  

 

Quali documenti rilascia l'Anagrafe Comunale

 

 

Gli Uffici del Comune rilasciano i seguenti documenti:

 

- Nascita

- Residenza

- Stato di famiglia

- Matrimonio

- Morte

- Carta identita'

- Cittadinanza

- Autentica copia documenti

- Autentica foto e firma

- Dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorieta'

- Stato libero

- Esistenza in vita

- Godimento diritti politici eiscrizione liste elettorali

- Iscrizione liste di Leva Militare

 

 

Come autenticare foto, firme e copie di atti

 

 

Le autentiche riguardano, a seconda dello scopo e della natura del documento:

 

- dichiarazione sostitutiva di atti di notorieta'

- copia di documenti da presentare alla Pubblica Amministrazione

 

I documenti che riguardano rapporti fra privati vanno autenticati dal notaio.

 

- autenticazione di foto: e' necessario che si presenti l'interessato con un documento di identita' valido. Nel caso in cui il richiedente abbia meno di 15 anni occorre anche un documento di riconoscimento valido del genitore;

 

- autenticazione di copie: originale del documento e relativa copia da autenticare. A seconda dell'uso della copia da autenticare la stessa sara' soggetta o meno all'imposta di bollo. Se in bollo bisogna avere la relativa marca.

 

- autenticazione di firme: documento di riconoscimento valido dell'interessato.

 

Concorsi piu' semplici.

 

Per la domanda di partecipazione  ai concorsi pubblici non e' piu' necessaria l'autenticazione della firma. Per partecipare agli stessi concorsi pubblici, inoltre, non c'e' piu' il limite di eta'. 

 

 

Cosa fare per il rilascio della carta d'identita' e per il suo rinnovo

 

 

I cittadini italiani residenti e non residenti ad ARBA, che abbiano compiuto il 15° anno di eta', possono richiedere il rilascio della carta d'identita', presentandosi personalmente allo sportello anagrafico. I minorenni hanno bisogno dell'assenso di entrambi i genitori.

La carta d'identita' e' valida 5 anni dalla data del rilascio e serve per l'espatrio solo se non contiene la frase "non valida per l'espatrio".

Per il rinnovo della carta d'identita' e' necessario presentare la vecchia carta e produrre tre foto recenti formato tessera. Il rinnovo puo' essere fatto anche nei sei mesi precedenti la scadenza.

In caso di smarrimento o furto della carta d'identita' occorre presentarsi allo sportello anagrafico con la denuncia rilasciata dalla Questura o dai Carabinieri ed allegare la stessa documentazione necessaria per il rinnovo.

Costo della carta d'identita':

Euro 5,42 (importo unico sia per la carta di identita' valida per l'espatrio, che per quella non valida per l'espatrio)

Euro 10,58 (importo da corrispondere per il rilascio del duplicato della carta di identita', in caso di smarrimento, furto o deterioramento)

I Paesi ai quali da' accesso la carta di identita' valida per l'espatrio, sono i seguenti:

Austria - Belgio - Croazia - Danimarca - Finlandia - Francia - Germania - Gran Bretagna - Grecia - Irlanda - Islanda - Liechtenstein - Lussemburgo -Malta - Norvegia - Paesi Bassi - Portogallo - Principato di Monaco -  Spagna - Svezia - Svizzera - Ungheria - Polonia - Repubblica Ceca - Repubblica Slovacca - Ungheria - Lituania - Lettonia - Estonia - Slovenia -  Cipro. (Solo nel caso di viaggi turistici organizzati e' possibile entrare anche in Marocco, Tunisia e Turchia).

 

 

 

Cosa fare per cambiare la residenza

 

 

I cittadini italiani provenienti da altro Comune italiano hanno l'obbligo di denunciare la variazione entro 20 giorni dalla data in cui e' avvenuto il cambio di abitazione. E' necessario presentarsi presso lo sportello anagrafico del Comune di nuova residenza con i documenti di identita' ed il codice fiscale, gli estremi delle patenti di guida e libretto di circolazione eventualmente posseduti. E' possibile effettuare la variazione anagrafica degli altri componenti della famiglia esibendo i relativi documenti di identita', codice fiscale, patente e libretto circolazione. Il cittadino che cambia abitazione, sia all'interno dello stesso Comune sia per trasferimento da altro Comune, deve presentare denuncia anche ai Servizi Amministrativi Tributari ai fini delle imposte e tasse Comunali.

 

  

Cosa fare per il rilascio del Codice Fiscale

 

 

Tutte le persone fisiche e giuridiche devono munirsi di Codice Fiscale.

Gli Uffici delle Imposte rilasciano il Codice Fiscale in giornata. Per ottenerlo bisogna compilare una domanda su apposito modulo e portare un documento d'identita' valido (carta identita', passaporto, patente) oppure il permesso di soggiorno per gli stranieri. E' possibile delegare una terza persona che al momento della richiesta deve esibire un proprio documento d'identita' valido ed uno dell'interessato. Attenzione: quando si richiede il Codice Fiscale per neonati o bambini bisogna portare il certificato di nascita o qualunque altro certificato che riporti i dati del bambino.

 

 

 

Cosa fare in caso di nascita

 

 

La denuncia di nascita puo' essere effettuata, entro tre giorni dall'evento, direttamente presso la Direzione Sanitaria dell'Ospedale dove e' avvenuto il parto, oppure entro dieci giorni  presso lo sportello Anagrafico del Comune di residenza della madre, o in quello del Comune dove e' avvenuto il parto.

La nascita di un figlio da genitori coniugati puo' essere dichiarata indifferentemente da uno di essi. E' invece necessaria la presenza di entrambi i genitori nel caso in cui non siano coniugati ed intendono effettuare il riconoscimento del figlio al momento della dichiarazione di nascita.

La documentazione da presentare per la denuncia di nascita e' la seguente:

- valido documento di riconoscimento, rilasciato da un'Autorita' Pubblica, di colui che effettua la dichiarazione di nascita;

- certificato di assistenza al parto rilasciato dall'Ospedale o Casa di Cura, o, per nascite avvenute in abitazione privata, dall'ostetrica o dal medico che ha prestato assistenza al parto;

- Codice Fiscale di entrambi i genitori;

 

 

Cosa fare in caso di matrimonio

 

 

Per contrarre matrimonio la legge richiede che i futuri sposi siano in possesso di determinati requisiti e svolgano alcuni adempimenti preliminari, che consistono nel compilare la richiesta delle pubblicazioni all'Ufficiale dello Stato Civile presso il settore Demografico del Comune di residenza di uno degli sposi. L'Ufficiale dello Stato Civile che riceve la pubblicazione, verifica l'esattezza delle dichiarazioni resegli, acquisendo d'ufficio tutta la documentazione necessaria e redige previo appuntamento a cui saranno presenti gli sposi, il verbale di richiesta di pubblicazione di matrimonio. 

 

Le pubblicazioni saranno affisse all'Albo del Comune per otto giorni consecutivi, dopo tre giorni l'Ufficiale dello Stato Civile emette il certificato di "eseguite pubblicazioni" che consente agli sposi di contrarre matrimonio. Il matrimonio per cui si sono chieste le pubblicazioni deve essere celebrato entro 6 mesi (180 giorni) dalla data di rilascio del certificato delle eseguite pubblicazioni. Nel caso in cui uno degli sposi non sia di cittadinanza italiana, e' necessario presentare l'apposita dichiarazione di nulla-osta, prevista dall'art.116 del Codice Civile, rilasciata in Italia dall'Autorita' Consolare del relativo Paese di appartenenza.

E' consigliabile, comunque, assumere sempre preventive informazioni presso il Servizio di Stato Civile del Comune ove si richiedono le Pubblicazioni.

 

 

Cosa fare in caso di morte

 

 

Caso di decesso avvenuto in abitazione:

 

1. va avvisato il medico curante per la verifica della causa del decesso;

2. va richiesto l'intervento del medico necroscopo (Servizio Igiene Pubblica per

    l'accertamento della morte)

3. un familiare o una persona delegata, deve effettuare entro 24 ore, la denun-

    cia di morte presso il Comune dove e' avvenuto il fatto, muniti del certificato

    compilato dal medico necroscopo, documento, quest'ultimo necessario per

    il rilascio del permesso di sepoltura.

 

Caso di decesso avvenuto in Ospedale, Istituto o Stabilimento qualsiasi:

 

spetta al Direttore, od al delegato dall'Amministrazione di tali Enti, provvedere a tutti gli adempimenti riguardanti la denuncia di morte presso il Comune.

 

In caso di morte violenta od improvvisa per strada ed in luoghi pubblici, deve essere avvertita l'Autorita' Giudiziaria (chiamando il numero telefonico 113) la quale, dopo gli accertamenti di legge, da' disposizioni per la rimozione ed il trasporto della salma, a cura dell'Impresa Funebre privata all'Istituto di Medicina Legale per gli accertamenti (medico-legali ed autopsia).

 

 

Cosa fare in caso di smarrimento o furto del Passaporto, della Patente di guida, del Codice Fiscale, della Carta d'Identita' o di altri documenti.

 

 

Nel caso di furto e/o di smarrimento dei documenti di cui sopra, e' necessario:

- fare denuncia in Questura o dai Carabinieri

- con la denuncia presentarsi allo sportello competente per il rilascio del duplicato. (Si consiglia di conservare fotocopia dei documenti originali appena vengono rilasciati, cio' facilitera' il rilascio dei duplicati in caso di furto o smarrimento.)

  

 

Cosa fare per ottenere l'iscrizione all'Albo degli Scrutatori

 

 

 

Domanda in carta libera indirizzata al Sindaco entro il 30 novembre di ogni anno. Stampato disponibile presso l'Ufficio Elettorale. Decorrenza iscrizione dal Gennaio dell'anno successivo. La domanda puo' essere presentata da chi e' in possesso dei seguenti requisiti:

- 18° anno di eta' compiuto

- cittadinanza italiana

- iscrizione nelle liste elettorali

- titolo di studio minimo: licenza media inferiore

- non appartenere alle seguenti categorie:

a)dipendente dei Ministero dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni, e dei

   Trasporti.

b) Forze Armate in Servizio

c) Medici Provinciali, Ufficiali Sanitari, Medici Condotti

d) Segretari Comunali e dipendenti Comunali addetti agli Uffici Elettorali.

 

 

 

Autocertificazione

 

 

 

I certificati relativi a nascita, residenza, cittadinanza, godimento diritti politici, stato civile, stato famiglia, esistenza in vita, iscrizione in Albi tenuti dalla Pubblica Amministrazione, posizione militare, nascita di figli, morte del coniuge/genitori/figli, sono comprovati da una autocertificazione, ovvero da una dichiarazione sostitutiva in carta semplice senza firma autenticata.

Possono essere altresi' autocertificate le dichiarazioni relative a: titolo di studio o qualifica professionale posseduta, partecipazioni a corsi di studio o d'istruzione professionale, risultati d'esame, titoli di specializzazione, preparazione a formazione tecnica, esiti di partecipazione a concorsi, professione esercitata, attivita' lavorativa svolta, stato di disoccupazione, situazione giuridica, reddituale ecc??..

Tutte le istanze contenenti autocertificazioni possono essere presentate personalmente o tramite altra persona, oppure inviate per posta all'Ufficio richiedente, accompagnate da fotocopia di un documento di riconoscimento.